L’archivio della Curia vescovile con sede in Caiazzo (Piazza S.Stefano,1), è stato dichiarato “di notevole interesse storico” e sottoposto alla disciplina 29 ottobre 1990, n.490 dalla Soprintendenza archivistica della Campania. L’archivio risulta formato da due nuclei fondamentali, quello pergamenaceo e quello cartaceo.

Il fondo pergamenaceo è composto da 1411 pergamene, di cui la più antica risalente al 1007 e la più recente al 1887.

Il fondo cartaceo si riferisce all’attività amministrativa e pastorale della Diocesi di Caiazzo e si presenta disordinato e attualmente sono state identificate alcune serie:

  • Sacre ordinazioni;
  • Benefici di patronato;
  • Legati;
  • Processi di matrimonio;
  • Visite pastorali;
  • Corrispondenza;
  • Sinodi;
  • Sacerdoti;
  • Patrimonio e beni

Indietro